mercoledì 13 giugno 2007

Coming soon: STUDI LOVECRAFTIANI n. 4 e 5

Saranno disponibili a luglio 2007 due nuovi numeri di "Studi Lovecraftiani". Tema speciale dei fascicoli sarà il rapporto tra HPL e il Cinema, ovvero come la Settima Arte ha suggestionato lo scrittore di Providence e, viceversa, come gli scritti del Sognatore hanno ispirato e influenzato il Grande Schermo. Riportiamo qui sotto il sommario:



STUDI LOVECRAFTIANI # 4
Ed. Dagon Press (Estate 2007)
pp. 64 - Euro 6,00


indice:



- Editoriale di Pietro Guarriello

- H. P. Lovecraft e i film del suo tempo, di S. T. Joshi
- Il film preferito di Lovecraft, di Darrell Schweitzer
- L’Estraneo davanti allo schermo: le opinioni di lovecraft sul cinema, a cura di Stefano Mazza
- L’Estraneo dietro lo schermo: la paura, il cinema e Lovecraft, di Stefano Mazza
- A Charlie il Comico, di H. P. Lovecraft
- Su Lovecraft e il Cinema, di J. Vernon Shea




STUDI LOVECRAFTIANI # 5
Ed. Dagon Press (Estate 2007)
pp. 64 - Euro 6,00


Indice:


- H. P. Lovecraft nel cinema indipendente italiano, di Francesco Cortonesi
- “La Chiave d’Argento”: un film dimenticato, di Massimo Berruti
- I terrori delle geometrie non-euclidee: “The Dreams in the Witch-House” di Stuart Gordon, di Luca Foffano
- L’orrore sovrannaturale in DVD: La Lovecraft Collection della Lurker Films, di Luca Foffano
- Cinema lovecraftiano in giallo, a cura di Massimo Soumaré
- Tra cinema lovecraftiano e japanese-horror: Intervista a Konaka J. Chiaki, di Pietro Guarriello




Per Informazioni e richieste:

studilovecraft@yahoo.it


domenica 10 giugno 2007

Studi Lovecraftiani # 3 - Speciale Dagon

Dal sito: http://www.horrormagazine.it/notizie/2206/

Studi Lovecraftiani n.3: speciale Dagon
È uscito il terzo numero di Studi Lovecraftiani, monografia dedicata a Dagon, l’enigmatico e fondamentale racconto dello Scrittore di Providence.

Terzo appuntamento con Studi Lovecraftiani, la rivista amatoriale che esordì l’estate scorsa e che si è distinta fin da subito per l’ottimo livello dei contenuti e degli interventi proposti. Questo nuovo numero non delude le aspettative: è una monografia dedicata a Dagon, racconto scritto nel 1917 in cui per la prima volta appare l’enigmatica creatura pisciforme, che fu anche la prima a costituire quel mondo immaginario fatto di luoghi e di esseri sovrumani nato dalla fantasia di Lovecraft. Trovare nuove idee ed interpretazioni da proporre sul tema “Dagon” non era compito facile, ma l’obiettivo è stato tuttavia perseguito da Pietro Guarriello e compagni con la consueta sicurezza e competenza a cui siamo abituati. Gli interventi di questo terzo numero, risultano:

-IN DIFESA DEL DIO DEGLI ABISSI: INTRODUZIONE A DAGON, di Pietro Guarriello. La difficile collocazione di Dagon all'interno dell'opera lovecraftiana, insieme ad alcune considerazioni su come Lovecraft ed i suoi critici abbiano affrontato il problema.
-DAGON, O IL NAUFRAGIO NELL'IGNOTO di Massimo Berruti. Dagon come opera seminale per la poetica lovecraftiana, in un approfondito saggio che tenta un'inedita e sorprendente interpretazione semiotica del racconto, in particolare sul significato del naufragio: una "deriva allucinatoria" capace di aprire la coscienza ad una rilettura della realtà. Il testo presentato è apparso sulle autorevoli pagine di Lovecraft Studies, e questa è la sua inedita versione italiana.
-RIFLESSIONI SUL "VERO" DAGON, di Benjamin Szumskyj. Le diverse sfaccettature di Dagon, dalla mitologia delle origini alla sua traslazione letteraria, alla ricerca dell'archetipo che HPL voleva proporre al lettore, per far luce sulla filosofia dello scrittore di Providence.
-L’OMBRA SUL MONOLITO: SPUNTI PER UNA INTERPRETAZIONE DI DAGON, di Stefano Mazza. Una lettura analitica e sociologica di Dagon, per comprendere le pulsioni recondite che hanno portato Lovecraft a scrivere il racconto ed i suoi significati alla luce delle moderne teorie psicanalitiche.
-LA COSA CHE VIVE NELL'ABISSO: "DAGON" DI LOVECRAFT & "THE FOGHORN" DI BRADBURY, di Francesco Cortonesi. Uno studio comparato fra due racconti di due autori apparentemente molto distanti l'uno dall'altro, si rivelano sorprendenti ad una attenta comparazione dei testi, e fanno propendere per una riscrittura bradburiana del classico di HPL.
-QUANDO DAGON SBARCO' NEL NEW ENGLAND, di Pietro Guarriello & Gianluca Casseri. I due autori, cappello da Sherlock Holmes sul capo, indagano una curiosa fonte di Lovecraft nel folklore e nella storia del New England coloniale. Tutto parte dai fatti accaduti sul misterioso Mount Dagon...

Tutti gli appassionati, i curiosi e gli studiosi interessati a Lovecraft sono pertanto invitati a procurarsi al più presto questo terzo ed appassionante numero di Studi Lovecraftiani. Il fascicolo può essere ordinato con pagamento tramite ricarica PostePay (n. 4023600407614314) oppure con vaglia postale all'indirizzo del curatore. Il costo di un numero è di 6 euro, abbonamento a 3 numeri: 18 euro.

Studi Lovecraftiani n. 3
a cura di Pietro Guarriello
anno II, numero 3, state 2006
Edizioni Dagon Press
pagg. 60, euro 6,00

Per informazioni e ordini:
PIETRO GUARRIELLO
VIALE DEI NARCISI, 1
64025 — PINETO (TE)
piguarr@tin.it studilovecraft@yahoo.it

Autore: Stefano Mazza - Data: 28 agosto 2006

Studi Lovecraftiani # 2

Dal sito: http://www.horrormagazine.it/notizie/1895/



Studi Lovecraftiani: lo sguardo italiano verso l’Innominabile
È uscito il secondo numero di Studi Lovecraftiani, la nuova rivista di approfondimenti sullo Scrittore di Providence a cura di Pietro Guarriello.



La grande editoria, da diverso tempo a questa parte, sembra mostrare un’inerzia ogni giorno più vischiosa nei confronti delle iniziative che riguardano H.P. Lovecraft e, più in generale, di tutto ciò che ruota intorno ai generi fantastici. In netta opposizione a questa forza negativa, c’è un vero e proprio sottobosco editoriale che brulica di personaggi vivaci e di novità sempre pronte a sbocciare: si tratta dell’intreccio formato dagli appassionati e dagli studiosi, per così dire dilettanti, del panorama fantastico italiano, che per spirito di iniziativa e competenze messe in campo hanno ben poco da invidiare persino in confronto a quanto succede all’estero. Un chiarissimo esempio di questa tendenza è certamente Studi Lovecraftiani, nuova stella nel firmamento della critica e della saggistica amatoriali, che ha esordito nell’estate del 2005 con un promettente numero uno e che in questi giorni ci propone la seconda uscita, sempre per i tipi della Dagon Press, sotto la scrupolosa direzione di Pietro Guarriello, un nome ben noto fra i frequentatori dell’universo lovecraftiano, del quale è da anni divulgatore “alto” — verrebbe quasi da chiamarlo un Higher Criticist dell’orrore, se gli amici sherlockiani ce lo permettessero. Guarriello è attivo, fra le altre, su riviste come Yorick e curatore degli interessantissimi (e avventurosissimi) Taccuini, che fanno parte del corteggio cartaceo del Circolo di Lovecraft.Il titolo della neonata rivista non è casuale: si richiama infatti ai leggendari Lovecraft Studies americani pubblicati dalla Necronomicon Press e, al pari di questi, si pone il fine di promuovere l’analisi e l’approfondimento dei vari aspetti che ruotano attorno a Lovecraft, alle sue creazioni e al suo mondo. Il primo numero era già ricco e accattivante; questa seconda uscita è ancora più ricercata e solida della precedente nei contenuti e conferma l’elevato livello di Studi Lovecraftiani, facendo ben sperare gli appassionati dello Scrittore, che qui possono trovare un sicuro punto di riferimento, oltre che un’occasione di incontro e confronto.Gli interventi del secondo numero, ancora fresco di stampa, sono:

Il mito di Cthulhu: un approccio pragmatico di Massimo Berruti. Lunga indagine semiotica che esamina attentamente le creazioni lovecraftiane, le contestualizza, ne esplica il simbolismo ed i possibili significati che diverse schiere di lettori in essi hanno. Certamente uno dei migliori saggi critici scritti sui cosiddetti ‘Miti di Cthulhu’.
Viaggio a Providence di Luca Cesare Foffano. Dettagliato resoconto in stile badeker, piacevolmente antiquato, di un viaggio compiuto a Providence alla ricerca delle radici, dei luoghi e delle suggestioni lovecraftiane.
Speciale Dossier: Lovecraft e i Miti di Cthulhu in Giappone. Una finestra su una realtà da noi distante per cultura, tradizioni e lingua, ma molto vitale e sempre in fermento, nella quale ormai da tempo le creazioni di Lovecraft hanno trovato terreno fertile.
Chi ha ispirato il Necronomicon? di GianLuca Casseri. Erudito saggio su di una possibile fonte di ispirazione per lo pseudobiblion più famoso del mondo.

Per il tenore medio dei testi, è lecito dunque considerare Studi Lovecraftiani fra le più interessanti riviste letterarie finora apparse in Italia e collocarlo nella storia del Fantastico nostrano insieme a testate del calibro de Il Re in Giallo, Star, La Soglia e Yorick.
Per ordini o informazioni:

PIETRO GUARRIELLO
VIALE DEI NARCISI, 1
64025 PINETO (TE)
piguarr@tin.it studilovecraft@yahoo.it

Autore: Stefano Mazza - Data: 1 febbraio 2006

Studi Lovecraftiani # 1

Dal sito: http://www.horrormagazine.it/notizie/1441/:


Una nuova rivista dedicata a H.P. Lovecraft
Per gli amanti del solitario di Providence c'è di che fregarsi le mani


Esordio editoriale per Studi Lovecraftiani, una nuova rivista di saggistica e studio dedicata alla vita e all'opera di Howard Phillips Lovecraft, curata da Pietro Guarriello sotto il marchio della Dagon Press. Pubblicazione amatoriale a diffusione controllata e limitata, che fin dal titolo si richiama ai mitici taccuini americani dei Lovecraft Studies, la testata intende promuovere la critica e lo studio di Lovecraft attraverso saggi, documenti e articoli, prospettandosi dalla sua prima uscita come un importante punto di riferimento per gli estimatori italiani del Gentiluomo di Providence, fra semplici appassionati ed esperti. Nel sommario del primo numero troviamo una Guida alla narrativa di H.P. Lovecraft presentata da Fabrizio Claudio Marcon, gli articoli La rivoluzione copernicana del Sognatore di Providence di Massimo Berruti e Scott-Elliot ispiratore di Lovecraft di Gianluca Casseri, quindi Lovecraft e la musica, un panorama di Bruno Gargano, Elvezio Sciallis e Andrea Bonazzi sulle ultime produzioni discografiche in tema, e l'approfondito dossier Lovecraft: ipotesi di un viaggio in Italia dedicato all'omonimo "documentario" di Federico Greco e Roberto Leggio, in onda lo scorso 31 ottobre su Studio Universal. Lo speciale comprende diverse schede informative e un'intervista di Michele Tetro al regista Greco, oltre all'autorevole intervento di Giuseppe Lippi a puntualizzare la natura di finzione del breve film, surreale omaggio lovecraftiano altrimenti proposto in veste di documentaristico realismo. Rubriche, novità, recensioni librarie e varie segnalazioni completano il fascicolo che può essere richiesto, al costo di sei euro, presso l'indirizzo della redazione in Viale dei Narcisi 1, 64025 Pineto (TE). Per informazioni: studilovecraft@yahoo.it. Studi Lovecraftiani a cura di Pietro Guarriello anno I, numero 1, Primavera 2005 Dagon Press pagg. 62, euro 6,00 ISSN-1084-93X
Autore: Alessio Valsecchi - Data: 13 luglio 2005

The Wake of the Old One...

Questo spazio è inteso per aggiornare sulle novità della rivista "Studi Lovecraftiani", magazine amatoriale della Dagon Press dedicata allo studio dello scrittore H. P. Lovecraft (1890-1937) e dei suoi Miti di Cthulhu.